Fri04182014

Last update08:44:48

Profile

Direction

Menu Style

Cpanel
Back Cronaca Regione Arrestato in Olanda il boss latitante Angelo D'Alterio

Arrestato in Olanda il boss latitante Angelo D'Alterio

  • PDF
Camorra love

Nuovo colpo alla camorra: all'alba della giornata di ieri che i carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno portato a termine l'ennesimo colpo contro la criminalità organizzata con la cattura di Angelo D'Alterio, importante esponente della camorra napoletana.

L'uomo, che al momento dell'irruzione si trovava in una villa in Olanda dove risiedeva con l'attuale compagna e il figlio, è Angelo D'Alterio, latitante da circa tre mesi nei Paesi Bassi, è stato trovato sprovvisto di armi, ma con 20mila euro in contanti e un documento d'identità contraffatto. Indicato per entrare a far parte dell'elenco dei 100 latitanti più pericolosi d'Italia,in quanto ritenuto il presunto boss del clan camorristico dei Polverino, clan di spicco della zona di Quarto e Marano.

36enne di Marano, detto lo “Zio” era già noto alle forze dell'ordine per essere accusato di vari reati e da 3 mesi ricercato: l'episodio in questione fa riferimento allo scorso 3 maggio quando, durante un operazione anticamorra contro i Polverino, D'Angelo riuscì a scappare dalle forze dell'ordine di Napoli. In quella stessa operazione invece furono arrestati 40 affiliati all'associazione criminale dei Polverino e suoi complici, con le accuse di associazione per delinquere di tipo mafioso, truffa, usura, traffico e spaccio di stupefacenti, e altro, indagati attraverso un'inchiesta partita nel 2007 che riguardava il traffico di droga tra Italia e Spagna.

Ma a smembrare tutto l'ottimismo della brillante operazione appena portata a termine sono le dichiarazioni del Governo Americano che inserisce la camorra tra i principali ostacoli allo sviluppo dell'economia statunitense, definendola: «Una delle quattro organizzazionicriminali più pericolose per l'interesse nazionale degli Stati Uniti». Accanto ai Los Zetas messicani, alla mafia russa del “Circolo dei Fratelli” e alla Yakuza giapponese che le reti criminali Made in Naples sono in forte espansione grazie alle loro attività sempre più diversificate e sofisticate: «Stanno creando alleanze con elementi corrotti dei governi e usano il potere e l'influenza di questi elementi per portare avanti le loro attività criminali» ha dichiarato il Presidente Barack Obama.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Frenk Schiavone

cop2